Il deejay accoltellato dal padre rompe il silenzio sui social: "Sono vivo e grazie a Dio posso raccontarlo" - Perizona Magazine

Il deejay accoltellato dal padre rompe il silenzio sui social: “Sono vivo e grazie a Dio posso raccontarlo”

Daniela Vitello

Il deejay accoltellato dal padre rompe il silenzio sui social: “Sono vivo e grazie a Dio posso raccontarlo”

| 13/01/2021

Dopo giorni di silenzio assordante, Joseph Capriati rompe il silenzio sui social. Venerdì scorso il deejay casertano di fama internazionale […]

Dopo giorni di silenzio assordante, Joseph Capriati rompe il silenzio sui social. Venerdì scorso il deejay casertano di fama internazionale è stato accoltellato dal padre durante una lite familiari scoppiata per futili motivi. Pietro Capriati, ex agente penitenziario in pensione, ha colpito il figlio al torace provocandogli una grave lesione polmonare.

Il 33enne, che abitualmente vive a Barcellona ma che nei mesi scorsi era rientrato nella casa di famiglia per via della pandemia, ha subito un delicato intervento chirurgico. Oggi, dall’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta dove è stato ricoverato subito dopo l’aggressione, condivide un post su Instagram in cui fa sapere di aver perdonato il padre e di pregare per lui.

“Sono vivo, e grazie a Dio posso raccontarlo – scrive Joseph Capriati – Ringrazio dal profondo del mio cuore tutti voi, i miei parenti, amici, conoscenti, e i tantissimi DJ e promoter che mi hanno dimostrato così tanto affetto in questi giorni. Sono commosso. Non sono ancora riuscito a leggere e rispondere ai messaggi ma lo farò tra qualche giorno quando starò meglio.

Fino a stamattina non avevo nemmeno la forza di parlare, ma dicono i medici che il peggio è passato ormai. Chiedo solo una cosa se è possibile, un po’ di rispetto nei confronti di mio padre e della mia famiglia, poiché né io e né nessuno di voi ha il potere e il dovere di giudicare ciò che è accaduto.

I drammi familiari sono all’ordine del giorno, e soprattutto attenzione alla stampa poiché come ben sapete le notizie sono spesso confuse e poco veritiere. Perdono mio padre per il folle gesto e prego tanto per lui. Ora penso a guarire. A presto”.

Dopo l’aggressione al figlio, Pietro Capriati è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Durante l’interrogatorio del gip, l’uomo è scoppiato più volte in lacrime chiedendo notizie del figlio. Adesso si trova agli arresti domiciliari in Abruzzo.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965