Hackerato il cellulare di Guendalina Tavassi, rubati e diffusi video intimi con il marito

Daniela Vitello

Hackerato il cellulare di Guendalina Tavassi, rubati e diffusi video intimi con il marito

| 22/11/2020

Guendalina Tavassi, ex concorrente del “Grande Fratello”, ha scoperto che il suo cellulare è stato hackerato. Chi ha violato la […]

Guendalina Tavassi, ex concorrente del “Grande Fratello”, ha scoperto che il suo cellulare è stato hackerato. Chi ha violato la sua privacy ha anche divulgato alcuni video spinti che l’opinionista di “Pomeriggio Cinque” ha realizzato con il marito Umberto D’Aponte. L’ex gieffina, che è mamma di tre figli di cui due avuti dall’attuale consorte, ha sporto immediatamente denuncia. A svelarlo è stata lei stessa in una serie di Instagram Stories.

“Per favore aiutatemi, sono una mamma e una moglie”

“Ragazzi, sto andando alla Polizia perché io e Umberto abbiamo appena scoperto che hanno rubato il mio iCloud e hanno rubato cose mie personali, fatte con mio marito – ha spiegato sconvolta e in lacrime – Adesso devo dare i nominativi alla Polizia di chiunque sta divulgando questi video e se li sta salvando e verrà denunciato per risalire a chi è stato a rubarmi informazioni e cose mie private. Per favore ragazzi aiutatemi perché comunque sono una mamma, ho dei figli, un marito e queste sono cose private. Questa cosa, oltre ad essere illegale, va a rovinare la vita delle persone. Quello che mi è successo è uno schifo, può succedere a tutti di fare video personali. Sono cose normali, uno li tiene per sé. Non solo chi lo divulga anche via Whatsapp, ma anche chi lo guarda e lo tiene nel telefono commette un reato. Io sono una persona forte ma questa è veramente una cosa orribile”.

Google News
Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

“Più che altro sono video privati nostri, noi nella vita possiamo fare quello che vogliamo”, le fa fatto eco il marito.

L’avvocato di Guendalina: “Il revenge porn è un reato aberrante”

Ad assistere Guendalina Tavassi, vittima di revenge porn, è l’avvocato Leonardo D’Erasmo che su Instagram ricorda che, secondo quanto stabilito dall’articolo 612 ter del codice penale, tale reato prevede la reclusione da uno a sei anni. A rischiare non è soltanto chi pubblica per primo immagini o video sessualmente espliciti ma anche chi li divulga contribuendo alla loro diffusione.

“Siccome ho notizia che il video sta girando su gruppi Whatsapp l’invito è a cancellarlo immediatamente, a non conservarlo e a non divulgarlo perché altrimenti commette lo stesso reato di chi a sua volta lo ha inoltrato o pubblicato per primo – ha spiegato il legale della Tavassi in una clip – Sono video privati che devono rimanere tali. Non si tratta di nulla di divertente, non è nulla di goliardico, è un reato aberrante. Ricordo che Guendalina, oltre a essere un personaggio pubblico, è una madre e una moglie. Quindi rispettiamola come tale, rispettiamo tutte le donne. È un appello che rivolgo soprattutto agli uomini perché questi gruppi sono frequentati soprattutto da uomini. Pensate che Guendalina potrebbe essere vostra madre, vostra moglie, vostra figlia, la vostra compagna o semplicemente una donna qualunque e come tale deve essere rispettata. Il pensiero va a una ragazza (Tiziana Cantone, ndr.) che si è uccisa per aver subito questo reato”.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823