L’isola di plastica | il continente dei rifiuti - Perizona Magazine

L’isola di plastica | il continente dei rifiuti

Rosalia Bonfardino

L’isola di plastica | il continente dei rifiuti

| 15/02/2013

C’è chi la chiama Great Pacific Garbage Patch, chi Pacific Trash Vortex, chi la definisce il settimo continente. Si tratta di un’isola, un’isola di plastica. Si trova nel bel mezzo del Pacifico ed è considerata uno tra i peggiori disastri ambientali della storia. Fu scoperta nel 1997 dal velista americano Charles Moore, mentre solcava le onde del Pacifico tra Giappone e Hawaai. Gli studiosi delle correnti oceaniche ne avevano già previsto la crescita nei primi anni ’90 ma ora l’ipotesi è diventata realtà.

Secondo GreenPeace, dei circa 100 miliardi di chilogrammi di plastica prodotti ogni anno, il 10 per cento finisce in mare. Di questo un quinto giunge dale imbarcazioni, il resto arriva dalla terra ferma. Ogni giorno, infatti, tra le coste del Giappone e quelle degli Stati Uniti le navi scaricano tonnellate di plastica. Le correnti oceaniche le trascinano poi fino al centro del Pacifico.

L’isola si estende al momento su circa 700mila chilometri quadrati, ma potrebbe addirittura arrivare a coprire 15 milioni di chilometri, una superficie pari quasi al doppio di quella degli Stati Uniti. Ormai affermatasi come la più grande discarica del pianeta, per la maggior parte della sua estensione non è visibile né da satelliti né dalle navi, Per capirne realmente la grandezza è necessario navigarci in mezzo.

Da sacchetti di plastica a bottiglie, da borse a palloni da calcio, l’isola di plastica convoglia in sé tutta la spazzatura del Pacifico. Secondo gli esperti l’isola raccoglierebbe anche “reperti” degli anni ’50. La plastica, non essendo del tutto biodegradabile, pur disintegrandosi in piccolissimi pezzi, non viene mai eliminata completamente. Ecco, così, che I polimeri che la compongono finiscono per essere scambiati per plancton dalla fauna marina.

La plastica non si biodegrada ma si foto-degrada e si scompone in piccole particelle tossiche. Per oltre 260 specie marine la dieta alimentare è proprio a base di petrolio e derivati. E non è raro trovare residui di plastica negli stomaci di tartarughe, balene, delfini e foche. E’ poi ovvio che le sostanze tossiche giungeranno fino all’uomo che si nutre di pesce. Tra i danni che la plastica può provocare nell’organismo ci sono alcuni tipi di cancro, disturbi cardiaci, obesità, diabete e autismo. E se i più positivi ipotizzano di poter costruire sull’isola di plastica una superficie su cui abitare, intervenire per la bonifica del territorio sarebbe il primo passo da compiere.

Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965