Noemi Bocchi, nuove dichiarazioni choc dell'ex marito

Noemi Bocchi, parla (ancora) l’ex marito: “Mi ha lasciato dopo la morte di mia madre”

Daniela Vitello

Noemi Bocchi, parla (ancora) l’ex marito: “Mi ha lasciato dopo la morte di mia madre”

| 22/12/2022
Noemi Bocchi, parla (ancora) l’ex marito: “Mi ha lasciato dopo la morte di mia madre”

9' DI LETTURA

Mario Caucci, marito separato di Noemi Bocchi, torna a parlare della fine del suo matrimonio in un’intervista a “Chi”. Una settimana fa, l’imprenditore del marmo aveva gettato delle pesanti ombre sull’ex moglie da cui ha avuto due figli: Sofia e Tommaso. A sua volta Noemi Bocchi, oggi legata a Francesco Totti, l’ha trascinato in tribunale dopo aver denunciato di aver subito maltrattamenti in famiglia.

Francesco Totti e Noemi Bocchi (Foto ‘Chi’)

Il primo incontro ad una festa: “All’epoca era fidanzata”

Nell’intervista a “Chi”, Mario Caucci ricorda il primo incontro con la donna che sarebbe poi diventata sua moglie. Correva l’anno 2008. “Eravamo a una festa, qui a Tivoli – racconta – Avevamo amici in comune, chiesi informazioni su di lei e lei mi scrisse su Facebook. All’epoca era fidanzata. Mi sono innamorato perdutamente, è stata una storia d’amore grandiosa. Eravamo molto giovani con una voglia di spaccare il mondo e dimostrare a tutti di poter fare qualsiasi cosa”. Il team manager del Tivoli Calcio rimane folgorato da Noemi.

Mario Caucci (Foto ‘Chi’)

“Viaggiavamo per il mondo grazie al mio lavoro”

“È una donna che ti prende – spiega – È una bella donna, quando vai in giro con lei suscita un certo effetto: è sempre curata, molto ben vestita, attenta al dettaglio estetico”. Dopo un anno, la Bocchi resta incinta di Sofia: “Ricordo che, il giorno in cui andammo a fare il test di gravidanza in ospedale, e scoprimmo che Noemi era incinta, le dissi: ‘Promettimi che questa figlia avrà sempre un padre e una madre uniti perché vengo da una famiglia patriarcale, con valori radicati da generazioni’”. Tre anni dopo, l’arrivo di Tommaso. “Un bambino meraviglioso – dice Caucci – Abbiamo vissuto anni stupendi nei quali eravamo io, Noemi e i nostri figli. Viaggiavamo per il mondo grazie al mio lavoro, siamo stati ovunque, ci siamo divertiti, avevamo tanti amici in ogni continente, dall’Europa all’America”.

Francesco Totti e Noemi Bocchi (Foto ‘Chi’)

“Vengo da una famiglia all’antica dove il marito provvede al lavoro”

L’imprenditore sostiene di non aver mai tarpato le ali alla consorte impedendole di lavorare. “La verità è leggermente diversa. Provengo da una famiglia all’antica, dove il marito provvede al lavoro e la moglie si occupa della casa e dei figli – argomenta – Poi, giustamente, visto che non siamo all’età della pietra, ho capito che questa veste le stava stretta. Stava studiando e doveva portare a termine l’università. Quando è nata Sofia, ha dovuto interrompere. Poi mi ha detto: ‘Vorrei continuare a studiare’, e io: ‘Nessun problema’. Dopo che è nato Tommaso, mi ha detto: ‘Vorrei riprendere di nuovo’. E io l’ho iscritta per la terza volta, pagando anche gli anni in cui non aveva frequentato”.

Mario Caucci con la nuova compagna Martina (Foto ‘Chi’)

“Non mi ha espresso il desiderio di lavorare, non mi risulta che sia laureata”

Nella precedente intervista a “Chi”, Mario Caucci aveva sollevato dei dubbi sul fatto che la sua ex sia una flower designer e che sia laureata. Non mi ha espresso il desiderio di lavorare perché, ringraziando Dio, mi trovavo nella situazione di poter realizzare ogni tipo di volontà e di sogno – sentenzia – Ma, se mi avesse detto, per esempio: ‘Voglio aprire un negozio di caramelle’, le avrei aperto un franchising in tutto il mondo. Quando mi diceva di voler studiare, per me era importante, perché volevo che, frequentando insieme con lei imprenditori e persone importanti, fosse in grado di sostenere qualsiasi conversazione che andasse oltre scarpe e borse. Noemi laureata in Economia? Lo leggo anche questo sui giornali e sarei contento, vorrebbe dire che tutto quello che ho investito è servito, mi farebbe piacere sapere che si è laureata, ma non mi risulta”.

Francesco Totti e Noemi Bocchi (Foto ‘Chi’)

“La mia vita è stata rasa al suolo completamente”

Mario Caucci torna indietro con la memoria al suo annus horribilis, il 2017, quando ha perso la madre: “È stato l’anno peggiore, la fine della mia esistenza. Avevo una famiglia, dei figli, una casa, l’amore, i viaggi. La mia vita, per come la conoscevo, per come la volevo, per come l’avevo costruita, è stata rasa al suolo completamente e non è rimasto in piedi niente”. Nel 2016 mia moglie ha iniziato a essere insofferente perché abitavamo a Tivoli – confessa – Rappresento la terza generazione di una famiglia importante, che ha basato la propria storia sul lavoro e sulla creazione in questo territorio di aziende importanti che danno la possibilità a tante famiglie di vivere. Ma tutta questa notorietà crea anche una strettoia: a Tivoli non ti puoi permettere di avere atteggiamenti e una vita sopra le righe. In una piccola comunità devi rispettare chi fa i sacrifici, chi lavora duramente dalla mattina alla sera per mettere insieme uno stipendio per mandare i figli a scuola. Tutti sanno chi sei, dove vai, cosa fai, è una realtà che ti tiene stretto. Lei voleva andare a vivere a Roma, diceva che lì avremmo potuto muoverci con maggiore libertà. Soltanto dopo capii il vero motivo per cui voleva andare a vivere a Roma”.

Mario Caucci (Foto ‘Chi’)

“Il trasferimento a Roma ha segnato la fine del mio rapporto con mio padre e mio nonno”

“Nel 2017, forzatamente, ho preso una casa per noi a Roma – svela – Quello è stato il mio primo grande errore. È stato l’inizio della fine. Ci siamo trasferiti prima dell’estate, mia madre stava male e, il 2 ottobre 2017, è morta. Con lei è venuto a mancare il perno, il pilastro fondamentale mio e di tutta la famiglia. Una donna meravigliosa, una donna unica, portata via giovanissima da un tragico male. Il trasferimento a Roma ha segnato la fine del mio rapporto con mio padre e mio nonno. Senza mia madre sono caduto in una disperazione totale perché mi sono venuti a mancare la bussola, il consiglio, l’amore di una mamma, qualcosa che soltanto chi ha perso un genitore può capire. È un dolore che non passa mai, che è uguale ogni giorno”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Francesco Totti e Noemi Bocchi (Foto ‘Chi’)

“Sono caduto in depressione e sono rimasto sdraiato su un divano per tre mesi”

“Ho ripreso a lavorare, in qualche modo – aggiunge l’imprenditore – Il 6 novembre del 2017, un mese dopo, rientro a casa e mia moglie mi dice: ‘Ti devo parlare. Sai che le cose tra noi non vanno bene, ci stiamo provando ma è dura, è molto difficile. Ti consiglio, quindi, visto che viaggi molto, di fare così: se devi stare fuori 3 giorni, stai fuori 10 giorni, se devi stare fuori 5 giorni, stai fuori 15, allentiamo la relazione e vediamo come va’. E lì mi cade il secondo pilastro, a distanza di un mese. Avevo bisogno dell’amore di una moglie, dei figli, di rientrare in un nido dove sentirmi protetto. Il 7 novembre prendo le mie cose e ritorno nella mia casa di Tivoli e lì cado in depressione. Rimango sdraiato su un divano per tre mesi, in una casa che era stata spogliata di tutto perché l’arredo era stato portato a Roma. Tornavo da solo dentro una dimora che avevamo costruito insieme, dove prima entravo e i miei figli mi correvano incontro dicendomi: ‘Papà!’. Non c’era più niente, neanche i lampadari, c’erano i fili che pendevano”.

Mario Caucci e Noemi Bocchi (Foto Facebook)

“La mia azienda iniziò ad andare in crisi e fallì”

Il tracollo investe anche la sua professione: “Avevo smesso di lavorare, non rispondevo al telefono, e avevo un’azienda a Verona che gestivo personalmente, quell’azienda ero io. Senza di me iniziò ad andare in crisi e fallì. Così è venuto meno il terzo pilastro della mia vita, di un uomo che ha basato tutto sul lavoro, i genitori, la famiglia. Tutta la vita che avevo costruito, in cui avevo creduto, era crollata. Mi alzavo la mattina e non sapevo che cosa fare, non avevo più rapporti con nessuno. Mia moglie ha iniziato a chiedere quello che, secondo lei, le spettava: ‘Mi devi dare questo’, ‘voglio la macchina nuova’, ‘mi servono questi soldi’, tutta una serie infinita di richieste che non potevo accontentare perché non avevo più risorse. Da lì è scaturita una richiesta di separazione giudiziale”.

Noemi Bocchi e Francesco Totti

“Dall’inizio di questo incubo ho cercato di proteggere i miei figli”

Mario Caucci si difende dall’accusa di maltrattamenti: “È una macchinazione per arrivare ad altri risultati. Non è assolutamente vero quello che racconta ma, siccome c’è un procedimento in atto, non posso dare più informazioni prima che io le possa rendere a un giudice nella sede dove doveva rimanere questa cosa. Sono sconvolto perché soltanto oggi viene alla luce questa storia, viene infangato il mio nome, la vita di un uomo, di un padre, quando fino a ieri non c’era alcun interesse a renderla pubblica. Dall’inizio di questo incubo ho cercato di proteggere i miei figli. C’è qui il mio avvocato, lui sa tutto quello che ho fatto per la mia famiglia. La grande differenza è che posso parlare con dati oggettivi e dico che, dall’inizio di tutta questa storia, non ho mai attaccato nemmeno una volta, ho sempre subito richieste assurde, di tutti i tipi, ho subito una separazione giudiziale assurda, ho subito ripicche, ho dovuto lottare ogni volta per difendermi”.

Noemi Bocchi e Mario Caucci (Foto Facebook)

“La mia famiglia si è riavvicinata e mi è costato tanti anni ricostruire i rapporti”

“Voglio poter dimostrare ai miei figli – dice – che ci si deve impegnare nella vita con tutta le forze per difendere i propri valori e la propria storia e bisogna andare avanti a testa alta, con coraggio. Oggi parlo e parlerò perché ho la fortuna di poter essere ascoltato, ma ci sono migliaia di persone che non vengono ascoltate. Persone che nessuno ascolta e che sono le vere vittime. Se io fossi quello che viene descritto non potrei avere con me tutti i weekend i miei figli, non potrei andare in vacanza con loro, perché, se fai certe cose, i figli te li levano”. Ed ancora:Ho trovato l’appoggio dei miei amici, dei miei cari, della mia famiglia, ma nessuno può aiutarti fino in fondo perché, poi, la sera tornano tutti a casa loro e tu rimani solo: quello è il momento in cui fai i conti con tutti i tuoi mostri. Ringrazio Dio di aver avuto la forza per riemergere, tanti non ce la fanno. La mia famiglia si è riavvicinata e mi è costato tanti anni ricostruire i rapporti più stretti, a partire da mio padre, mio nonno, mia sorella”.

Francesco Totti e Noemi Bocchi(Foto ‘Diva e Donna’)

La nuova vita di Mario Caucci con Martina

Dopo la rottura con Noemi Bocchi, Mario Caucci si è rifatto una vita: “Ho avuto la fortuna di conoscere due anni fa una persona, Martina, che, nel momento più buio della mia vita, mi ha teso la mano. Ha capito chi sono ed è stata la prima persona a credere di nuovo in me prima che lo facessi io”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI


Pubblicato il 22/12/2022 11:01
Copyright © 2023

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965