La Rai rimanda la fiction su suo padre, Nando Dalla Chiesa: "Smacco alla sua memoria"

La Rai rimanda la fiction su suo padre, Nando Dalla Chiesa: “Smacco alla sua memoria”

Daniela Vitello

La Rai rimanda la fiction su suo padre, Nando Dalla Chiesa: “Smacco alla sua memoria”

| 01/09/2022
La Rai rimanda la fiction su suo padre, Nando Dalla Chiesa: “Smacco alla sua memoria”

2' DI LETTURA

In un’intervista esclusiva rilasciata al settimanale “Oggi”, Nando Dalla Chiesa commenta la decisione della Rai di rinviare a dopo le elezioni la messa in onda de “Il nostro generale”, fiction in quattro puntate dedicata al padre Carlo Alberto Dalla Chiesa ucciso dalla mafia 40 anni fa a Palermo. Tutta “colpa” dell’ingresso in politica e della candidatura della sorella Rita.

Rita, Nando e Simona Dalla Chiesa (Foto Facebook)

“La tv dà grande popolarità, ma Rita ce l’ha già”

“Una decisione infelice, una scelta eccessiva. È uno smacco alla memoria di mio padre – dichiara il sociologo – La tv dà grande popolarità, ma Rita ce l’ha già, non sarà una serie a dargliene altra… Mi è stato chiesto di rileggere la sceneggiatura e abbiamo concordato anche sulle licenze poetiche necessarie a un prodotto per il grande pubblico. Tenevo molto alla fiction tv perché è narrazione popolare, messaggio potente”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Nando Dalla Chiesa (Foto Facebook)

“Rita è sempre stata berlusconiana, per via del suo lavoro”

Nando Dalla Chiesa, di centrosinistra, fa sapere di non provare alcun imbarazzo ad avere una sorella candidata nel centrodestra: “Ma è sempre stato così: io, Rita, Simona, tre fratelli che vanno d’amore e d’accordo ma che hanno idee diverse. Poi, di centrodestra… non è. Rita è sempre stata berlusconiana, per via del suo lavoro, per aver visto Berlusconi in azione come ideatore della Fininvest. È una non allineata”.

Rita Dalla Chiesa con il fratello Nando (Foto Facebook)

“Assistiamo a una campagna elettorale in cui non si parla di mafia”

A proposito del padre ucciso il 3 settembre di 40 anni fa aggiunge: “Lui era lo Stato che non scappa: contro i nazisti, le Br, la mafia. Fa parte di quelle figure il cui ricordo pubblico, quasi per paradosso, cresce col passare del tempo. È accaduto con Falcone e Borsellino e ricapita ora: non ho mai visto così tanti appuntamenti e celebrazioni come per questo quarantennale”. Che cosa è cambiato da allora nella lotta alla mafia? “Il problema resta la politica che non si prende le sue responsabilità. Assistiamo a una campagna elettorale in cui non si parla di mafia. Tutti sanno che arriveranno miliardi di fondi europei… che i clan sono meno forti ma che è cresciuta la società filo-mafiosa. In una situazione simile, un Paese si mobilita: invece no”.

Nando Dalla Chiesa e Emilia Cestelli nel giorno delle nozze (Foto Instagram)

Rita Dalla Chiesa: “La fiction è su mio padre. Non su di me”

Nel maggio del 2021, Nando Dalla Chiesa ha perso la moglie Emilia Cestelli stroncata a 68 anni da una “malattia feroce e divorante”. Anche Rita Dalla Chiesa ha storto il naso dinanzi allo slittamento della fiction dedicata al padre. “Purtroppo nessuno poteva immaginare che le elezioni sarebbero state il 25 settembre. Ma, ricordo, la fiction è su mio padre. Non su di me – ha precisato in un’intervista a “Chi” – Ci sono rimasta male per il lavoro cinematografico. Parliamo di una fiction attesa dai Carabinieri. Ma andrà in onda prossimamente”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 01/09/2022 10:27
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965