Ignazio e Francesco Moser, frecciatine a non finire durante l'intervista

Ignazio e Francesco Moser, frecciatine a non finire durante l’intervista

Daniela Vitello

Ignazio e Francesco Moser, frecciatine a non finire durante l’intervista

| 16/04/2022
Ignazio e Francesco Moser, frecciatine a non finire durante l’intervista

2' DI LETTURA

La scelta di Ignazio Moser di parcheggiare la bicicletta per tuffarsi nel mondo dello spettacolo non è mai andata giù al padre, il leggendario campione di ciclismo Francesco Moser. Ieri padre e figlio sono stati ospiti di Serena Bortone a “Oggi è un altro giorno”. Il primo era presente in studio, il secondo si è collegato da casa con la fidanzata Cecilia Rodriguez.

Serena Bortone (Foto da video)

“Chechu si sta appassionando a suon di corse”

“Sei orgoglioso di tuo figlio?”, ha chiesto la conduttrice al campione. “Io ero più contento che se continuava a correre – ha ammesso – Aveva fatto un po’ di corse, le ha vinte. Però dopo, a un certo punto, ha smesso”. “La bicicletta ha fatto parte di me nella prima parte della mia vita, la fa ancora in realtà – ha spiegato Ignazio – Sono ancora nel mondo del ciclismo, ma lo seguo più da appassionato che da faticante. Adesso sto cercando di coinvolgere anche la Chechu che si sta appassionando piano piano a suon di corse”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez (Foto da video)

Francesco Moser: “Non si diventa corridori andando in discoteca”

Parlando degli insegnamenti trasmessi al figlio, Francesco Moser è tornato a manifestare la propria amarezza per la scelta di Ignazio di interrompere la sua carriera sportiva: “Gli ho detto che la vita è difficile e che bisogna guadagnarsi le cose facendo sacrifici. Poteva fare di più…se avesse fatto il corridore. Però invece di andare a dormire, andavano in discoteca e così non si diventa corridori. Si è perso una po’ alla volta”.

Francesco e Ignazio Moser (Foto da video)

Ignazio: “Non è mai stato un padre molto affettivo”

“A mio padre piace raccontare questo ma in realtà quando correvo io facevo il corridore – ha precisato Ignazio – A 22-23 anni, quando capisci che tipo di corridore puoi diventare, ho preso coscienza dei miei limiti e ho preferito non proseguire una vita di sacrificio sapendo che non potevo ottenere i risultati che avrei potuto ottenere. Paradossalmente adesso che io e papà siamo lontani siamo più vicini. Quando siamo insieme ci viviamo più intensamente. Non è mai stato un papà molto affettivo. Era più facile prendere una sgridata che un abbraccio. Quasi sempre meritate perché non sono mai stato un angioletto. Però qualche abbraccio in più, qualche ‘ti voglio bene’ in più sarebbe stato ben gradito”.

Francesco Moser (Foto da video)

“Papà, ti voglio bene più di quello che pensi”

“Non l’ho mai fatto né con lui né con gli altri figli”, ha puntualizzato il padre. “Sei ancora in tempo a dirgli ti voglio bene”, è intervenuta Serena Bortone. Il campione di ciclismo ha mostrato di non essere proprio in grado di esternare i propri sentimenti e si è limitato a dire: “Lo sa che gli voglio bene, non l’ho mai esternato”. “Papà, io invece ti voglio bene più di quello che pensi e che avresti mai sperato”, ha chiosato Ignazio.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 16/04/2022 11:36
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965