Elena Morali arrestata in Thailandia: il racconto choc - Perizona Magazine

Elena Morali arrestata in Thailandia: il racconto choc

Daniela Vitello

Elena Morali arrestata in Thailandia: il racconto choc

| 07/09/2022
Elena Morali arrestata in Thailandia: il racconto choc

3' DI LETTURA

Elena Morali e Luigi Mario Favoloso hanno trascorso un mese di vacanza in Oriente. Il viaggio è stato contrassegnato da una brutta avventura raccontata dalla coppia al rientro in Italia. L’ex Pupa è finita in manette e per liberarla dalla cella il fidanzato è stato costretto a pagare una cauzione.

Luigi Mario Favoloso ed Elena Morali (Foto Instagram)

“Ci hanno fermato mentre eravamo in motorino, coi caschi”

“In Thailandia, a Phuket, è successo tutto – ha esordito la Morali in una Instagram Story – La mattina eravamo in motorino, ovviamente coi caschi (anche perché io ho paura anche a 30 km/h) e a una rotonda ci ferma un poliziotto (nonostante vicino a noi fosse pieno di gente sui motorini senza casco)”. “Però loro fermavano solo i turisti e ora vi spiego perché – ha proseguito – Mi fermano e la prima cosa che mi chiedono sono le sigarette. Non ci chiedono patente e libretto. Volevano sapere se io fumassi sigarette e nello specifico sigarette elettroniche (in effetti la domanda mi è suonata un po’ strana)”.
CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Elena Morali (Foto Instagram)

Per colpa di una IQOS è scoppiato il finimondo

La coppia ha risposto di “no”. I poliziotti hanno visto una IQOS nella borsa di Elena e lì è successo il finimondo. “Tra l’altro l’IQOS non è neanche una sigaretta elettronica a vapore – ha precisato la showgirl – Comunque iniziano a perquisirci nelle borse e addosso. Erano tutti uomini e non potrebbero nemmeno perquisirmi in quel modo ma va beh. Questo inizia a farmi il segno delle manette e cercava di dire che avrei passato la notte in cella. Luigi prova a dire: ‘La sigaretta è mia, prendete me’. Ma nulla, questi ce l’avevano con me e volevano che ci andassi io. A quel punto dico di voler chiamare l’ambasciata e loro non hanno preso bene la notizia. Infatti mi ritirano subito il cellulare e ripetono: ‘Questa notte dormi qui’”.

Luigi Mario Favoloso (Foto Instagram)

“Luigi era disposto a pagare il doppio della cauzione”

“Continuavano a dire che dopo la notte in cella avrei dovuto pagare 50.000 bath che sono circa 1.500 euro – ha confessato – Non volevano che la pagassi subito. Non ci volevo credere, mi sembrava tutto uno scherzo assurdo. A quel punto, ci dividono. Luigi continua a chiedere cosa si potesse fare perché non voleva che rimanessi lì. A quel punto, prova a dire che avrebbe pagato il doppio. Dopo un po’ di tempo, alla fine uno dei poliziotti dice: ‘Ok, se paghi il doppio (100.000 bath, circa 3.000 euro) la lasciamo’. Il cambio dipende molto da giorno a giorno, un mese fa erano circa 3.000 euro e qualcosa, ora forse è sceso. Comunque loro vanno avanti così e accompagnano Luigi a prelevare. Fortunatamente, al primo prelievo non ha prelevato tutta l’intera somma in una sola volta e così Luigi ha prelevato 750 euro a cui ha aggiunto circa 90 euro che aveva in tasca. Alla fine gli ha dato 840 euro circa e mi hanno lasciata libera”.

Elena Morali (Foto Instagram)

“Mettono paura ai turisti per intascarsi un po’ di soldi”

“La Polizia ha fatto tutto questo solo per guadagnarci dei soldi in un modo davvero pessimo e scorretto – ha chiosato la coppia – Loro fermano i turisti per mettergli paura e toglierci un po’ di soldi per intascarseli personalmente. Dovrebbe esserci qualcuno che controlla anche la Polizia del posto. Ci sarà un governo che risponde di questo? Anche perché Phuket ospiterà l’Expo. Arriveranno milioni di turisti per essere trattati così? In tutto ciò, invece la Maria è legale e la vendono in ogni dove…assurdo”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Pubblicato il 07/09/2022 14:43
Copyright © 2022

Editore: Livesicilia.it Srl - Via della Libertà, 56 – 90143 Palermo Tel: 0916119635 P.IVA: 05808650823
Livesicilia.it Srl è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) con il numero 19965