"Voglio essere arrestato", si attacca al citofono e danneggia la caserma dei carabinieri

“Voglio essere arrestato”, si attacca al citofono e danneggia la caserma dei carabinieri

Daniela Vitello

“Voglio essere arrestato”, si attacca al citofono e danneggia la caserma dei carabinieri

| 27/11/2021
“Voglio essere arrestato”, si attacca al citofono e danneggia la caserma dei carabinieri

E’ accaduto in provincia di Reggio Emilia

  • Un 35enne si è presentato in caserma alle 5 del mattino
  • Due carabinieri sono finiti al pronto soccorso
  • Alla fine, lo hanno accontentato e lo hanno arrestato

Ha fatto di tutto per farsi arrestare dai carabinieri e alla fine è stato “accontentato”. E’ accaduto a Castelnovo Sotto, in provincia di Reggio Emilia, dove un 35enne visibilmente alterato si è presentato davanti alla caserma locale alle 5 del mattino e si è letteralmente attaccato al citofono chiedendo insistentemente di essere arrestato. A raccontare la vicenda è “ReggiOnline”.

Non pago, riporta la testata locale, “ha divelto la tabella con gli orari di apertura al pubblico, ha lanciato una bottiglia di birra contro il muro, ha scavalcato la recinzione della caserma e ha iniziato a prendere a calci la porta di ingresso per sfondarla”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

caserma carabinieri

Due carabinieri al pronto soccorso

A dare manforte ai colleghi di Castelnovo, è intervenuta una pattuglia dei carabinieri di Gualtieri. L’uomo, residente in paese, ha aggredito anche loro e due militari dell’Arma sono finiti al pronto soccorso. I carabinieri se la sono cavata con qualche giorno di prognosi.

Il 35enne è stato arrestato per resistenza, violenza, lesioni, danneggiamento e ingresso arbitrario in luoghi ove l’accesso è vietato nell’interesse militare dello Stato.

Copyright © 2022

livesicilia.it

P.I. 05808650823