Rifiuta il vaccino e viene sospeso dall'ordine dei medici, Meluzzi: "Non posso toccare i pazienti"

Rifiuta il vaccino e viene sospeso dall’ordine dei medici, Meluzzi: “Non posso toccare i pazienti”

Daniela Vitello

Rifiuta il vaccino e viene sospeso dall’ordine dei medici, Meluzzi: “Non posso toccare i pazienti”

| 12/10/2021
Rifiuta il vaccino e viene sospeso dall’ordine dei medici, Meluzzi: “Non posso toccare i pazienti”

Lo psichiatra e psicoterapeuta ospite di “Pomeriggio Cinque”

  • Nonostante non possa esercitare la professione, Meluzzi non ha intenzione di cambiare idea
  • Il professionista parla di condizioni di salute incompatibili con la somministrazione del siero anticovid
  • “Non mi sottoporrò mai ad una terapia che potrebbe nuocermi in modo irreversibile”

Lo psichiatra e psicoterapeuta Alessandro Meluzzi decide di non vaccinarsi e per lui scatta la sospensione dalla professione. Il provvedimento è stato preso dall’Ordine dei medici di Torino. Oltre a mostrarsi da sempre restio al siero anticovid, il professionista ha parlato di falsi green pass che molti vip avrebbero ottenuto e ha svelato che era stato offerto anche a lui.

La sospensione impedirà a Meluzzi di esercitare la sua professione ma lui non sembra avere nessuna intenzione di cambiare idea. Ospite di “Pomeriggio Cinque”, lo psicoterapeuta chiarisce i motivi per cui rifiuta di vaccinarsi.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Barbara D’Urso (Foto da video)

“Non ho mai detto a nessun paziente di non vaccinarsi”

“Non sono stato cacciato ma come 205 medici a Torino sono stato sospeso dalle attività mediche che prevedono un contatto diretto con i pazienti – precisa – Posso continuare a svolgere attività di ricerca, pubblicistiche, perizie. Avendo scelto consapevolmente di non vaccinarmi, non posso toccare i pazienti e vederli di persona. Non posso visitarli. Perché non mi vaccino? Intanto c’è una questione di carattere personalissimo che riguarda le mie condizioni. Io ho avuto il Covid nella primavera del 2020. Sono stato curato amorevolmente dal mio collega immunologo dell’Università di Torino. Io non ho mai detto a nessun paziente, né mio né di altri, di non vaccinarsi. Io ho fatto degli accertamenti e ho scientemente deciso di non vaccinarmi. Per cose che riguardano le mie condizioni di salute”.

CLICCA E SEGUICI SU FACEBOOK

Vaccino anti-Covid (Foto da video)

“La mia salute viene prima dei miei pazienti”

“Dopodiché, noi viviamo in una realtà in cui le mie condizioni ematologiche non sono criteri di esclusione dal vaccino – spiega – Siccome amo Socrate, accetto questa sospensione fino alla fine dell’anno e poi si vedrà. Se sarà necessario, mi farò radiare ma io non mi sottoporrò mai ad una terapia che potrebbe nuocermi in modo irreversibile. Punto. Accetto il mio isolamento, se sono considerato un untore perché non sono vaccinato. Se dopo 40 anni di professione, non sono in grado di stabilire se le mie condizioni non mi consentono in sicurezza di esprimere un consenso informato! Se io ritengo di non poterlo firmare, saranno fatti che riguardano me! E la mia salute viene prima dei miei pazienti”.

GUARDA IL VIDEO

Enrica Bonaccorti, Alessandro Meluzzi e Barbara D’Urso (Foto da video)

“Lo sapevo che non dovevo venire qui”

Incalzato dagli ospiti, Meluzzi minaccia di alzarsi e andarsene. “Questa è la ragione per la quale non volevo venire perché tanto sarebbe finita così – sbotta – Avete sbagliato ad invitarmi. Ti ringrazio per la tua amicizia ma era meglio se non mi invitavi perché non poteva che essere questa la conclusione”. “Ovviamente qua ognuno ha un proprio pensiero che esprime. Il tuo pensiero è assolutamente rispettabile, tu hai deciso di fare questo e sei stato sospeso. Però ci sono delle persone che fanno psicoterapia e non possono più farne a meno. Quindi mi metto nei panni dei tuoi pazienti”, replica Barbara D’Urso. Meluzzi ribatte che esiste sempre “la psicoterapia a distanza”. “Sono ancora in lockdown”, chiosa.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823