Le lacrime di Roberto Baggio davanti al film che racconta la sua vita

Le lacrime di Roberto Baggio davanti al film che racconta la sua vita

Daniela Vitello

Le lacrime di Roberto Baggio davanti al film che racconta la sua vita

| 30/05/2021
Le lacrime di Roberto Baggio davanti al film che racconta la sua vita

Valentina Baggio mostra su Instagram la reazione del padre

  • La pellicola scava nell’intimità dell’ex fuoriclasse
  • La primogenita Valentina: “Ha pianto per tutto il film”
  • L’ex campione non sente la mancanza del calcio

Lacrime di commozione hanno rigato il volto di Roberto Baggio per tutta la visione de “Il Divin Codino”, il film biografico che racconta la vita e la carriera dell’ex fuoriclasse del calcio italiano scavando nella sua intimità. Il lungometraggio, diretto da Letizia Lamartire, è disponibile su Netflix dallo scorso 26 maggio. Ad interpretare l’ex calciatore è Andrea Arcangeli, giovane attore già visto ne “Il paradiso delle signore”.

Roberto Baggio

La Instagram Story di Valentina Baggio

A documentare la reazione del “Divin Codino” dinanzi alla pellicola che gli ha consentito di rivivere la sua storia è stata la figlia Valentina, nata come Mattia e Leonardo dal suo matrimonio con Andreina Fabbi sposata 31 anni fa dopo 7 anni d’amore. “Papà ha pianto per tutto il film… e voi?”, ha scritto in una Instagram Story la primogenita dell’ex attaccante che ha mostrato il padre mentre, in preda all’emozione, si copriva il volto con una mano.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

GUARDA IL VIDEO

Valentina Baggio con il padre Roberto (Foto Instagram)

Roberto Baggio: “Lasciare il calcio mi ha ridato vita e ossigeno”

“Quelli che senza pallone si sentono appagati e felici sono dei falliti? Lasciare il calcio mi ha ridato vita e ossigeno – ha confessato Roberto Baggio in una recente intervista a “Il Venerdì di Repubblica” – Faccio la cosa più bella, sono a contatto con la natura. Spacco la legna, uso il trattore e la sera sono così stanco che mi gira la testa. Stavo soffocando, troppo dolore fisico. ​Totti non voleva smettere, io non vedevo l’ora. E Ibrahimovic è della stessa pasta di Francesco”. “Non guardo le partite, non mi divertono quasi mai – ha svelato – Mi mette disagio dare giudizi sugli altri, non vado in tv. Vedo ex colleghi che sentenziano da professori, ma me li ricordo incapaci di fare tre palleggi con le mani”.

Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823