Lite Bassetti-Ventura, Giovanni Terzi difende la compagna: l’articolo al vetriolo

Lite Bassetti-Ventura, Giovanni Terzi difende la compagna: l’articolo al vetriolo

Daniela Vitello

Lite Bassetti-Ventura, Giovanni Terzi difende la compagna: l’articolo al vetriolo

| 25/03/2021
Lite Bassetti-Ventura, Giovanni Terzi difende la compagna: l’articolo al vetriolo

Dopo l’attacco frontale sferrato da Matteo Bassetti a Simona Ventura durante l’ultima puntata di “Cartabianca” (LEGGI QUI), Giovanni Terzi – compagno della conduttrice – scende in campo per difenderla e lo fa dalle pagine di “Libero”, il quotidiano per cui scrive. Parlando del “grande caos che regna, ancora oggi, nella gestione di questa drammatica pandemia mondiale”, il giornalista assolve la politica ma “i virologi-star della televisione, quelle persone che non si vedono mai nei corridoi degli ospedali ma vivono in collegamento con qualsiasi trasmissione televisiva e radio”.

Giovanni Terzi e Simona Ventura (Foto da video)

“In famiglia tutti rattristati nel vedere una persona così aggressiva”

“L’ultimo episodio, in ordine cronologico, ieri sera quando Simona Ventura, la mia compagna, collegata con Bianca Berlinguer su Rai3 per promuovere il suo nuovo programma tv Games of Games, si è trovata, suo malgrado aggredita dal professor Matteo Bassetti – scrive Terzi – Simona ha raccontato la sua e nostra esperienza della malattia spiegando come si era curata e ne era probabilmente uscita. «Una mia amica (medico) mi ha consigliato di iniziare una profilassi fatta di eparina, cortisone e antibiotico». A quel punto Bassetti è entrato a gamba tesa dicendo «faccia la conduttrice» oltre che ad un educatissimo «si laurei in medicina e poi parli». Ammetto che in famiglia eravamo tutti abbastanza rattristati nel vedere una persona così aggressiva semplicemente per il racconto, personale, della sua esperienza”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Matteo Bassetti, Bianca Berlinguer e Simona Ventura (Foto da video)

“Bassetti ha aperto un profilo Instagram in piena pandemia”

“Il professor Bassetti – prosegue – plurilaureato come del resto Simona, era lo stesso che un anno fa ostentava sicurezza dichiarando come «di coronavirus non si muore» oltre che «basta allarmismi, questa non è una pandemia, la mortalità e bassa»; è anche stato lo stesso che è riuscito a zittire il ministro Speranza che, qualche giorno fa in un momento di ottimismo si era azzardato a dire che in estate si sarebbe risolto il Covid. Apriti cielo, Bassetti il 22 marzo in un noto salotto tv domenicale ha dichiarato «Speranza è stato forse troppo ottimista. In questo momento è giusto che dia messaggi rassicuranti, però dal punto di vista operativo l’estate è dietro l’angolo. È del tutto utopico». Anche io ho una laurea ed insegno all’università e voglio dire all’ottimo Bassetti, sempre molto attento al look e che ha aperto il suo profilo Instagram il 20 aprile 2020 in piena emergenza sanitaria (ha buon tempo) che la comunità scientifica nei vari programmi tv è riuscita a dare indicazioni totalmente contrastanti”.

Giovanni Terzi e Simona Ventura (Foto Instagram)

“In che mondo vive professor Bassetti?”

“In un anno di tempo nessuno, dico nessuno, sa come ci si debba comportare in caso di positività al virus – aggiunge Terzi – e, se non bastasse, è riuscito a dire una delle più grandi castronerie della storia: «Uno prima deve essere visitato e poi decidere la cura». Capisco gli impegni tv ma in che mondo vive il professor Bassetti? Quanta gente comune è riuscita a chiamare, positiva al virus, il suo medico della mutua facendolo venire a casa per una visita? La gente comune priva di una guida sanitaria precisa sul da farsi ed impossibilitata ad andare negli ospedali se positiva al virus per non intasare i pronto soccorsi, è destinata a cercare soluzioni con chi conosce, naturalmente medici, che magari la pensano diversamente dall’esimio prof. Bassetti”.

Matteo Bassetti e Mara Venier (Foto da video)

“L’opinionista virologo non sa dare cure certe ma è arbiter elegantiae”

“Che dire invece di quando durante il Festival di Sanremo – conclude il giornalista – il professore di Genova si è trasformato in anticipatore di tendenza ed eleganza dichiarando «non mi è piaciuto lo smoking di Fiorello, un po’ ‘bragamolla’, sembrava quello del mio bisnonno» o «Fiorello l’ho trovato un po’ invecchiato, anche il baffetto non mi è piaciuto, è affascinante ma un po’ personaggio anni ’50». Ormai è certo, siamo di fronte ad una nuova professione, l’opinionista virologo che non sa dare cure certe ma è arbiter elegantiae”.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

Simona Ventura e Giovanni Terzi (Foto Instagram)
Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823