Sanremo, Willie Peyote si scusa per le bordate a Ermal Meta e Renga

Sanremo, Willie Peyote si scusa per le bordate a Ermal Meta e Renga

Daniela Vitello

Sanremo, Willie Peyote si scusa per le bordate a Ermal Meta e Renga

| 09/03/2021
Sanremo, Willie Peyote si scusa per le bordate a Ermal Meta e Renga

Dopo aver vinto il Premio della Critica al 71esimo Festival di Sanremo con il brano “Mai dire mai (La locura)”, Willie Peyote fa un po’ di autocritica su Twitch. Durante il suo soggiorno in Riviera, il rapper è riuscito ad “inimicarsi” alcuni Big in gara all’Ariston dopo aver detto peste e corna di loro.

Willie Peyote contro Ermal Meta e Renga

Tanto per cominciare, ha accusato Ermal Meta di essere “ruffiano” per aver cantato “Caruso” nel giorno del compleanno di Lucio Dalla in occasione della serata dei duetti. Poi ha preso di mira Francesco Renga che a suo dire avrebbe “cag**o sul microfono”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News
SEGUICI

Ermal Meta (Foto Instagram)

Le reazioni alle parole di Willie Peyote

Ermal Meta gli ha fatto sapere che gli sarebbe piaciuto sentirselo dire in faccia dal momento in un’occasione si sono ritrovati a due passi nei camerini. Per Renga, invece, ha risposto l’ex compagna Ambra Angiolini. “Gli altri fanno i parac*li o cag**o sui microfoni ma quello che esce dalla sua bocca è l’unica cosa che puzza”, ha scritto asfaltando il rapper”, ha sentenziato l’attrice.

Le scuse: “Sono una testa di ca**o”

Tornato a casa, Willie Peyote ha deciso di cospargersi il capo di cenere. “So di essere una testa di ca**o e di essermi lasciato sfuggire, tra l’altro con le parole peggiori possibili, determinati commenti che potevo risparmiarmi – ha ammesso – Sono stati detti nell’ambito di un programma con amici, comici, che voleva commentare Sanremo con un fare goliardico, come se fossimo a casa per alleggerire un po’ la tensione del Festival. Mi rendo conto che questa non può essere una giustificazione ma può servire a contestualizzare la cosa”.

Francesco Renga (Foto da video)

“Mi sono fatto vivo con diretti interessati”

“Ci tengo a specificare che, però, con i diretti interessati mi sono già fatto vivo domenica mattina, appena sono stati resi pubblici i video del programma su Twitch, con alcuni ho già chiarito, con altri spero di farlo nei prossimi giorni – ha aggiunto – Mi rendo conto che alcune frasi non sono proprio delle uscite felici. Quindi è giusto che quando dici una minch***a la gente te lo faccia notare”.

“Non posso garantire che questa sarà l’ultima minch**ta della mia vita”

“So di essere una testa di ca**o – ha ribadito – e talvolta il microfono dovrebbero spegnermelo. Cercherò di farci attenzione ma non sono certo di poter garantire di non dire più nessuna minch**ta nella mia vita. Quello che è giusto fare è assumersene le responsabilità come ho fatto e come cercherò di fare sempre”.

CLICCA QUI E SEGUICI SU INSTAGRAM

LEGGI ANCHE: “Renga ha ca**to fuori dal microfono”, “Ermal ruffiano”, a Sanremo scoppia la bagarre

Willie Peyote (Foto Instagram)
Copyright © 2021

livesicilia.it

P.I. 05808650823