Donne e motori…

Senza categoria
5 Commenti 3.575 volte

Parcheggiare l’auto può divenire un’impresa. Ecco una ripresa amatoriale compiuta da chi, affacciandosi dal balcone, ha potuto assistere a una di queste. Alla guida? Una donna, almeno fino a quando, dalle vetture in attesa, qualcuno non ha perso la pazienza.

di admin 2 novembre 2012





5 Commenti

  1. Vincenzo

    02/11/2012 at 19:10

    Per carità, poteva anche essere un uomo….ma diciamocelo…abbiamo subito pensato che al volante ci fosse una donna. C’è poco da fare…..è una questione di geni!

  2. Chiddìci!

    02/11/2012 at 20:44

    E non si è parlato delle inversioni di marcia a traffico bloccato! Fateci caso: 90 su cento sono donne (e non sono affatto misogino) che ignorando la presenza nelle vicinanze di qualsiasi scivolo o spazio libero utilizzabile, si esibiscono in decine di manovre incuranti di bloccare la strada. Questioni di geni, appunto.

  3. alex

    03/11/2012 at 02:55

    Ecco appunto una donna, mi stranizza come mai non aveva il cellulare in mano, l’altro giorno dopo che sempre una donna tranquillamente guidava a zig zag nel traffico sfiorando auto e moto era stata notata che nonostante la strafottenza e l’impegno per uccidere qualcuno che sopraggiungeva in moto dopo il rito del rimprovero perchè aveva il cellulare in mano per tutta risposta la donna gli dice: perchè la telefonata me la sta pagando lei? Dopo una risposta di questa che ha fattto ridere per la sua massima ignoranza non restava che farglielo ingoiare il cell. Questi elementi usano le auto come armi impropie e meritano solo una cosa prendergli la patente e fargli dei coriandoli. Io le chiamo solo in un modo assassine.

  4. marco

    03/11/2012 at 21:27

    è ovvio che si tratta di un fake ! la macchina grigia aveva tutto lo spazio per passare mentre la tizia faceva finta di parcheggiare.

  5. Mario

    04/11/2012 at 10:11

    Nessuno però commenta le auto in doppia fila (almeno 3 in zona parcheggio) che dimezzano la carreggiata… La tipa sarà certo un po’ scarsa, ma la civiltà del palermitano medio non si smentisce…

Lascia un Commento