Maria Teresa Ruta, frecciatine all’ex marito in tv: “Ecco cosa fa con le ragazze…”

0 Commenti 19.348 volte
clicca sull'immagine per vedere la gallery

Maria Teresa Ruta ha rilasciato una commovente intervista a “Storie Vere”. La conduttrice ha sfogliato il suo album dei ricordi in diretta e ha raccontato dell’amore per il suo compagno, il produttore musicale Roberto Zappulla.

“Questo è un momento della mia vita importante – ha esordito – Dopo i cinquanta i bilanci si fanno ogni anno e Roberto sta al mio fianco da 11 anni, è una persona che ha cambiato la mia vita ma ha sacrificato la sua per seguire la mia: è stata un’importante dichiarazione d’amore. Quest’anno, purtroppo, l’ho molto trascurato”.

“Quest’amore ha significato un cambiamento – ha spiegato – Non è che rinnego tutto il mio passato, ho due figli fantastici e un ex marito straordinario, ma ci sono momenti in cui l’amore si vive correndo, si pensa di essere invincibili, insomma gli uomini li usiamo un pochino senza tanta cura. Invece, credo che nel secondo tempo di questo film che è la nostra vita, si apprezza soprattutto il fatto che non si è da soli perché a volte si è in coppia ma si è da soli. La vita di coppia è quella che mi hanno fatto vedere mio papà, che è mancato lo scorso ottobre, e mia mamma: il confidarsi e fare tutto insieme di comune accordo è quello che mi hanno insegnato loro e oggi l’ho trovato con Roberto”.

La Ruta si è commossa sino alle lacrime parlando del padre. Quindi ha svelato come ha incontrato il suo compagno, arrivato dopo la fine del matrimonio con Amedeo Goria da cui ha avuto due figli.

“L’amore l’ho incontrato per caso e non lo cercavo – ha dichiarato – Io non cercavo nessuna compagnia perché il rapporto con Amedeo era terminato da più di dieci anni ed era una ferita profonda, è sempre una delusione quando finisce un amore. Ero impegnata col lavoro e a seguire i miei figli durante l’adolescenza. Poi ho incontrato questa persona così lontana da me… Io non volevo conoscere lui e lui non voleva conoscere me: lui fa il produttore musicale e in quel caso doveva produrre un programma a Napoli. Io non volevo incontrarlo perché non volevo caricarmi di un altro lavoro. Lui si è vestito con un pastrano lungo da Matrix, sembrava di essere entrati in un film dell’800 con la mafia. E invece ci siamo guardati negli occhi e in tre mesi e mezzo è venuto subito a vivere con me”.

A sorpresa in studio è entrato Amedeo Goria. “Sono un po’ invidioso perchè io non trovo l’amore”, ha ironizzato. “Amedeo, dipende da cosa cerchi – ha replicato la Ruta – Lui non cerca solo l’amore. Lui guarda le ragazze e già questo alla sua età è faticoso. Scusa se te lo dico. Quando passano le guarda davanti, le guarda dietro e le guarda tutte. Quindi anche quando ha una compagna al fianco, dopo un po’ evapora”.

“Ho questo difetto di cercare tanti amori contemporaneamente – ha ribattuto Goria – Sono molto socievole e prodigo di attenzioni verso gli altri.  Ci vogliamo bene. Aldo Grasso dice che siamo passati alla storia della tv perché portavamo in scena i nostri dissidi coniugali. Ci sono state scene raccapriccianti mai più viste. Io sono il primo colpevole del vostro allontanamento, lo ammetto. Ho provato a recuperare almeno per i figli”.

“D’accordo magari non andiamo, ma ci vogliamo bene – gli ha fatto eco l’ex moglie – Ricordo ancora quando co-conducevamo Unomattina Estate. Io stavo presentando, arrivavano le brasiliane e lui spariva seguendole, non solo con gli occhi. Il padre mi aveva detto che non mi sarebbe stato mai fedele. Io ci ho provato. I torti e le ragioni ci sono da entrambi i lati: quando ci sono i figli dobbiamo ricordarci che dobbiamo mantenere buoni rapporti. Già i ragazzi sono rimasti traumatizzati dalla nostra separazione che è stata lieve… poi non bisogna mai utilizzare i figli come ostaggio per gli alimenti. Quando saranno adulti capiranno e sceglieranno. Se noi li teniamo dalla nostra parte poi se ne vanno a 18 anni perché vanno dall’altro genitore”.

GUARDA L’INTERVISTA (dal minuto 00:28:45)

di Daniela Vitello 21 aprile 2017


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *