Simona Ventura: “Ero disperata, poi ho incontrato lui”

0 Commenti 4.945 volte
clicca sull'immagine per vedere la gallery

A poche settimane dalla seconda edizione di “Selfie – Le cose cambiano” che tornerà sul piccolo schermo a maggio, Simona Ventura e Belen Rodriguez si intervistano a vicenda su “Chi”. Le due hanno molto in comune. A cominciare dal passato sentimentale turbolento.

“In fatto di relazioni ci possiamo fare compagnia perché ne abbiamo passate tante – confessa la Ventura a Belen – Ma, anche se la vita mi ha tolto qualcosa e la disperazione ha fatto parte di me, ho incontrato a 45 anni l’uomo della mia vita, Gerò, e penso che anche tu sia felice con Andrea (il pilota Andrea Iannone, ndr.).

“Ma noi siamo due camioniste travestite da femmine – le fa eco la showgirl argentina – Combattiamo, abbiamo una personalità forte, difficile da sopportare per gli uomini che ci stanno accanto, e ci prendiamo la colpa, ma abbiamo anche tanti pregi (…) alla fine il destino ti ripaga sempre. Noi siamo forti, ma siamo anche più fragili di tante altre persone. Vogliamo le coccole ma siamo insicure e facciamo i dittatori per ottenere l’effetto contrario. Solo che non tutti lo capiscono”.

SuperSimo commenta il burrascoso divorzio tra Morgan e “Amici”:  “Conosco bene Morgan, a ‘X Factor’ eravamo io, lui e Mara Maionchi. (…) So la fatica che ha fatto Maria con Morgan, lavoriamo nella stessa squadra, ha messo tutta se stessa e tutta la sua pazienza, ma lui è andato oltre. È il giudice di talent che ha vinto di più al mondo, ma deve capire che i tempi sono cambiati, i ragazzi di oggi non capiscono i mezzi di ieri. E, quando non ti seguono più, vuol dire che è mancato qualcosa”.

“Deve avere dei limiti, noi in tv ci abbiamo giocato – aggiunge - Ricordo quando a ‘Mai dire gol’, nel 1994, feci uno spogliarello alla Demi Moore (…) quella cosa mi aveva portato una popolarità esagerata perché, fino ad allora, ero una giornalista sportiva (…) nella provocazione deve esserci ironia, leggerezza, perché un momento può essere trash da buttare nel cesso oppure cult, e il confine è sottile”.

di Daniela Vitello 19 aprile 2017


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *