Magalli presenta la figlia: “E’ bellissima, l’ho tenuta nascosta per 22 anni”

0 Commenti 16.384 volte
clicca sull'immagine per vedere la gallery

“Non vi aspettavate una figlia così bella, eh? Ma, ammetto, è tutto merito della mamma. E anche della zia materna, che ha gli stessi capelli corvini di Michi. Non fateci l’abitudine però: ho tenuto nascosta mia figlia per 22 anni, finito questo servizio tornerà in clausura”.

Giancarlo Magalli presenta dalle pagine del settimanale “Gente” la sua secondogenita Michela, avuta in seconde nozze da Valeria (dalla quale si è separato, ndr.). Padre e figlia posano nel giardino di casa del conduttore de “I Fatti Vostri”.

“Sono stato fortunato con entrambe le mie figlie - spiega Magalli – Manuela, nata dal mio primo matrimonio [con Carla Crocivera, ndr], lavora nelle assicurazioni. Con lei, per la verità, non sono stato un papà presentissimo: è nata nel 1972, io all’epoca lavoravo tanto, facevo Giochi senza frontiere, ero spesso all’estero. Ho cominciato a godermela quando aveva undici anni. Per Michela, invece, ci sono stato da subito: ho cambiato i pannolini, l’ho vissuta quotidianamente fino a quando io e Valeria ci siamo separati. Nostra figlia aveva 13 anni ed è andata a vivere con la mamma”.

Le due ragazze hanno caratteri diametralmente opposti. “Manuela è molto schiva – rivela – le avessimo chiesto di raggiungerci per questo servizio ci avrebbe risposto picche. Quando andiamo alle prime teatrali scappa dai fotografi”. Michela, che si autodefinisce “Magallina”, vorrebbe invece farsi strada nel mondo della moda.

Magalli confessa di non avere ancora smesso di lavorare per il bene delle due ragazze: “Voglio contribuire alla felicità delle mie figlie, e lo faccio anche concretamente. Ho lavorato una vita e continuo a lavorare per far stare bene sia Manuela che Michela”.

Nella vita del conduttore, al momento, non ci sono donne: “Ho delle amiche con cui vado a teatro, ma niente di più. Con l’esperienza sono diventato molto selettivo. E poi non vorrei fidanzarmi solo per avere la sicurezza di una persona che si prenda cura di me. Mi godo le mie ragazze, la mia casa. Sperando che Michela non sperperi tutto in vestiti costringendomi a venderla”.

di Daniela Vitello 18 aprile 2017


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *