Luca Tommassini: “Con Whitney Houston ho conosciuto le droghe”

0 Commenti 5.824 volte
clicca sull'immagine per vedere la gallery

In un’intervista a cuore aperto rilasciata al “Corriere della Sera”, il noto ballerino e coreografo Luca Tommassini ripercorre l’infanzia e l’adolescenza segnate da un padre assente e violento e da episodi di bullismo.

Ma c’è spazio anche per la passione per la danza e per quei sogni che lo hanno portato in America. Nei primi anni ’90 Tommassini entra a far parte del corpo di ballo di Madonna, impegnata nel tour “The Girlie Show”.

E’ l’inizio di una lunga collaborazione con la popstar che, nell’intervista al “Corsera”, ricorda così: “Madonna è una grande insegnante di vita. Io credo in due Madonne: nella mamma di Gesù e in lei. Tra quello che mi ha fatto capire è che ogni giorno devi metterti alla prova iniziando a fare la cosa che meno avresti voglia di fare e lasciando per ultima quella che ami. Un modo per andare sempre a letto con il sorriso”.

Negli Stati Uniti, il ballerino e coreografo si imbatte in tante star. Tra queste, Michael Jackson. “Una cosa ho capito – dice Tommassini parlando del suo mito – Più i personaggi sono grandi e più sono semplici umanamente. Con Michael ci siamo trovati a giocare ai videogiochi: voleva che giocassi sempre con lui, una specie di Peter Pan”.

E poi c’è Whitney Houston.  ”Con lei ho conosciuto le droghe – svela – Sono stati anni di esperienze folli, erano gli anni in cui era uscito il crack. Sono tornato in Italia per disintossicarmi. In America mi sentivo fuori dal mondo, quasi in missione e le missioni finiscono”.

di Daniela Vitello 18 marzo 2017



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *